A Farindola poco più su della centrale idroelettrica esistono i ruderi di una chiesa intitolata a San Giuseppe.

Da fonti locali, la chiesa, era destinata a magazzino dopo la seconda guerra mondiale, il che sta a significare che era stata sconsacrata già da molto tempo, ma a quei tempi la struttura era ancora in buono stato.

Attualmente è ridotta in ruderi, il tetto è completamente inesistente, alcuni muri sono parzialmente crollati e la vegetazione ricopre tutto, addirittura sono cresciuti alcuni alberi dentro l’edificio.

La piccola chiesa di campagna era a pianta ottagonale e dalle pareti variopinte con disegni geometrici e religiosi, sono in oltre presenti alcune nicchie di cui una particolare a forma di croce e che probabilmente ne conteneva una, questo è quello che si deuce oggi dai resti, nei quali a stento si riesce a penetrare a causa dei rovi e delle altre specie vegetali che l’avvolgono.

Nella galleria fotografica che segue si sono messe tante immagini, da varie angolazioni, per lasciare quante più informazioni possibili del sito, poiché potrebbe deteriorarsi ulteriormente.

Galleria fotografica dei ruderi della Chiesa di San Giuseppe a Farindola è stata realizzata da Lorenzo Di Nicola nel gennaio 2012.