L’abbazia Santa Maria di Casanova fu la prima fondata dai monaci cistercensi in Abruzzo, essa fu costituita nel 1197. Con il diffondersi dell’ordine cistercense in Italia la sua importanza crebbe molto rapidamente, sotto il suo controllo vi erano tutte le altre abbazie nate dopo in Abruzzo ed alcune anche in altre regioni vicine, la sua crescita fu agevolata anche dal decadimento dei monasteri benedettini che furono annesse alle cistercensi.

Poi nel 1368 l’abbazia di Santa Maria di Casanova fu affidata ai monaci celestini che la ressero fino al 1591 quando fu affidata al cardinale Federico Borromeo.

Il declino si conclude nel 1807 con la soppressione degli ordini religiosi voluta da Giuseppe Bonaparte, con l’abbandono l’edificio è andato in rovina e ora restano solo le rovine.

Un opera di restauro era stata intrapresa, ma l’interruzione ha lasciato tutto di nuovo in abbandono, in più il terreno è franoso ed una frana minaccia il complesso, solo della torre è stato completato il restauro, che vi mostriamo in questa galleria fotografica realizzata nel 2010, e con alcune foto del 2007, da Giuseppe Orsini.