Nell’ottobre del 2009 si è concretizzato il lavoro intrapreso dal gennaio dello stesso anno, con la conferenza e la successiva mostra intitolate: “Recupero e valorizzazione delle acque sorgive delle antiche fontane monumentali di Penne”.

Nel pomeriggio di giovedì 1 ottobre, nella sala consigliare del Comune di Penne, si inizia con la conferenza sul recupero e la valorizzazione delle fontane di Penne, sono presenti alcune classi scolastiche e un consistente pubblico, questo argomento ha sempre coinvolto i Pennesi, ma oltre a molte discussioni, talvolta anche accese, non si riesce a portare a soluzione questo problema. Come mostrato da un video del Prof. Antonio D’angelo girato molti anni prima, proiettato durante la conferenza, la situazione delle fontane era di un preoccupante degrado già allora, e con il passare del tempo lo stato di abbandono è continuato aggravando il degrado. Questo è il messaggio che è stato lanciato alla cittadinanza nella prima parte della conferenza. Poi abbiamo portato all’attenzione dei presenti come la sezione di Penne di Italia Nostra ha intrapreso un opera pulizia della fontana di Ossicelli, mentre per la fontana del Cupo quasi scomparsa, restavano solo poche decine di centimetri prima di essere completamente sepolta, con l’intervento di un escavatore siamo riusciti a riportarla alla luce e a far riuscire l’acqua dai cannelli della fonte. Si voleva così dare un segnale di speranza per il  recupero di questo importante patrimonio delle fontane storiche di Penne.

Il successivo dibattito ha mostrato in sintesi una non tanta velata rassegnazione da parte dei Pennesi, abituati ad aspettare che si faccia qualcosa, ma certi che poi non si faccia niente. L’agire concreto della nostra sezione ha riscosso apprezzamenti, ma non ha trovato chi ci volesse imitare, ne le istituzioni hanno proposto qualcosa di concreto.

La conferenza poi è stata chiusa dall’intervento del presidente regionale di Italia Nostra Giancarlo Pelagatti che ha sottolineato ancora una volta il valore storico monumentale delle fontane di Penne, e che lasciarlo andare in pezzi sia una grave perdita per la collettività.

Poi ci si è trasferiti alla chiesa di San Giovanni Battista, dove si è inaugurata la mostra multimediale, dove si potevano vedere le le foto, i filmati, i rilievi con le planimetrie, le viste e le sezioni delle fontane, mentre in sottofondo si ascoltava il suono prodotto dall’acqua delle fontane.

Per maggiori informazioni sulle fontane di Penne si può consultare su questo sito l’articolo intitolato: “Le Antiche Fontane della Città di Penne”, della Dott.ssa Maria Serena Valentini che parla delle fontane monumentali di Penne dislocate fuori della cinta muraria della città.

Qui sotto è mostrato l’invito per la conferenza-dibattito e per l’inaugurazione della mostra, mentre più sotto sono mostrate le tavole sulle fontane realizzate dalla sezione di Penne di Italia Nostra per la mostra a seguito di numerosi sopralluoghi.